concorso

  • 03
  • 04
  • 05
  • 06
  • 07
  • 08
  • 09
  • 12
  • 14
  • 15

Premio Piranesi-Prix de Rome: M.Hadr’O

Oggetto del concorso era la creazione del M.Hadr’O (acronimo provvisorio di Hadreaneum Opposite Museum), ossia un museo di nuova generazione, dispiegato geograficamente secondo i punti sensibili della topografia adrianea (da Villa Adriana a Tivoli al Mausoleo dell’Imperatore sul Tevere), visibile in ogni parte del mondo, e organizzato secondo una triplice modalità di presentazione dei contenuti: a- Modalità Materiale, caratterizzata da un progetto museografico di tipo classico, che prevede la progettazione di un involucro architettonico e la collocazione di una collezione di reperti fisici, originali o riproduzioni. La sua collocazione è a Villa Adriana, internamente al sedime archeologico. b- Modalità Immateriale, caratterizzata da un progetto allestitivo basato sul rapporto tra spazio urbano, monumento e installazione effimera. Non prevede una collezione fisica, ma un dispiegamento di contenuti organizzati in format mutevoli che coinvolgono le arti contemporanee performative, il teatro, la moda, l’interaction design (l’innovazione tecnologica e progettazione delle relazioni immateriali con gli oggetti). La Modalità Immateriale si colloca nei siti adrianei di Roma c- Modalità Identitaria, caratterizzata da un progetto di comunicazione visiva e di immagine coordinata riferita a tutti i format, statici o dinamici, con cui l’entità museale (nel nostro caso il M.Hadr’O comunica in modo strategico con l’ambiente esterno, e con cui tende a definire e rendere specifica presso il pubblico la propria identità e il proprio ruolo sociale. La sua collocazione è planetaria. Tutti i progetti dovevano quindi confrontarsi con questi tre temi, tutti considerati necessari e di uguale dignità, nell’obbiettivo generale di dare forma e contenuto al M.Hadr’O. Il M.Hadr’O era da considerarsi un’entità unica. Era un museo unitario. Era uno. Anche se la sua presenza si dispiega in molteplici luoghi e mediante modalità di offerta culturale differenziate per contenuti e per format. In sintesi: un museo (il M.Hadr’O), una identità (core identity espressa dall’immagine coordinata), due location (Villa Adriana e Roma), due modalità (materiale a Villa Adriana, immateriale a Roma).

Francesca Giovannini con  Stefania Malaffo, Isabella Secchi, Daniele Mondiali, Ilaria Stroppa, Silvia Salvalai

Luogo: Villa Adriana, Tivoli – Roma